Viaggiare in auto: cosa serve per guidare all’estero

Sempre più persone decidono di viaggiare in auto per visitare città e paesi al di fuori dell’Italia. In questo articolo abbiamo raccolto una serie di consigli, utili ad evitare sorprese quando si guida all’estero.

Un saggio diceva che ”quello che conta non è la destinazione, ma il viaggio”. Vero. Entusiasmo e spirito d’avventura però non bastano a garantire il successo di una vacanza; è necessario conoscere bene le regole imposte ed i documenti richiesti dal paese che si intende visitare, soprattutto se si intende viaggiare a bordo della propria auto.

Partiamo con un elenco dei documenti necessari per guidare all’estero:

- Permesso internazionale (rilasciato dall'ufficio provinciale della direzione generale della motorizzazione civile del proprio luogo di residenza. E’ necessario esibire la propria patente valida);

- Delega a condurre (solo per guidare veicoli noleggiati o non di proprietà);

- Carta verde (certificato di assicurazione internazionale);

- Carnet de Passages ed Douane (documento internazionale, obbligatorio in molti stati del mondo, che permette l'importazione di veicoli privati e commerciali).

La patente italiana

Concludiamo parlando della patente italiana, con cui è possibile circolare in tutti i paesi dell’Unione Europea e dell’Europa in generale (eccezion fatta per la Federazione Russa). Per consultare gli altri paesi extra-europei in cui è consentito circolare con la patente italiana è possibile visitare il sito statale degli affari esteri, selezionando il paese che si intende visitare ed accedendo alla relativa scheda informativa.

Per ulteriori informazioni vieni a trovarci in sede!